Castro: insolita meraviglia della costa salentina

Un ottimo modo per conoscere a fondo i paesi e le città che siete intenzionati a visitare, è quello di viverli nella loro essenza, nella loro routine di ogni giorno, come se vi abitaste da anni.

Per farlo, è consigliabile scegliere una destinazione e lasciarsi trasportare dal luogo stesso: mettendo da parte le guide turistiche, e facendosi trascinare unicamente dalla curiosità del momento, da ciò che accade nelle strade, o dalle locandine che capita di vedere affisse sui muri che segnalano sagre, mercatini, reading letterari.

Alloggiate in un hotel, se potete permettervelo, oppure trovate dimora in un ostello, più abbordabile e di sicuro non meno decoroso. L’Italia abbonda di alberghi, hotel, ostelli e strutture altamente efficenti, adatte a soddisfare ogni esigenza del visitatore.

La scelta della destinazione è solo vostra. Campagna, città d’arte, mare o montagna: l’Italia è meravigliosa!

Non fa eccezione la splendida meta che, negli ultimi anni, si è fatta notare per la sua bellezza, la sua incontestabile purezza marina, la sua selvaggia scogliera: Castro, detta la perla della Puglia.

Castro è vantaggiosamente situata a metà percorso tra i più affascinanti punti d’interesse.

Pochi minuti a sud di Castro, infatti, è situata la Grotta della Zinzulusa, dove si possono ammirare le fantasiose formazioni carsiche che il tempo ha forgiato in stalattiti e stalagmiti dalle forme stravaganti.

Continuando verso sud, si raggiunge Santa Cesarea Terme, splendida località termale, dove si può beneficiare di acque solfuree e fanghi termali che sgorgano da quattro grotte situate a ridosso di alte scogliere che si riversano a picco sul mare.

Una nota particolare merita Santa Maria di Leuca, dove il Mar Adriatico e il Mar Ionio s’incontrano creando una netta distinzione cromatica là dove si considera i due mari entrino in contatto.

A nord di Castro, le scogliere si diradano per lasciare spazio a lunghe spiagge di sabbia bianca su cui è d’obbligo sdraiarsi e lasciarsi cullare dal monotono sciabordio del mare: gli Alimini, Torre Sant’Andrea, Torre dell’Orso.

Irrinunciabile è la passeggiata serale tra le bancarelle del porticciolo di Castro, sulle cui banchine è ancora possibile acquistare il pesce appena pescato, gustandosi un mostacciolo alla cannella.

Dimenticate l’auto. Per visitare il litorale usate un mezzo più funzionale, più libero e leggendario: il due ruote. Date una controllata agli pneumatici della moto e frizzate via, lontano tra luoghi da sogno.

Divenuta meta ambita dai turisti di tutta Europa, la costa salentina ha saputo prontamente adeguarsi alle esigenze sempre più specifiche e dissimili dei visitatori.

Per mezzo di un’ampia scelta di strutture turistiche e servizi di elevata efficacia, il cliente ha modo di poter personalizzare la vacanza secondo le proprie esigenze.

Le strutture si diversificano in attrezzatissimi villaggi turistici, caratteristici B&B, ostelli e incantevoli hotel situati in località di estremo interesse, che garantiscono servizi di ottimo livello, pur mantenendo intatta la cultura locale, e tendono alla valorizzazione e preservazione del paesaggio ambientale.